Interpretazione della Fiamma delle Candele

Secondo la tradizione e a seconda di come si consuma una candela, è possibile trarre informazioni circa l'adempimento della richiesta fatta agli Spiriti Superiori o alle Entità/Divinità Celesti.

 

In differenti tradizioni, accendere una candela è un gesto sacro. Questo gesto esprime molto più di quanto possano fare le parole e deve essere fatto con estrema gratitudine.

Da tempo immemorabile, l’uomo ha sempre posto delle candele nei luoghi sacri. Potete cominciare o finire la vostra giornata con il sacro rituale di accendere una candela. O potete accendere una candela per un amico, per una persona venuta a mancare, prima di cominciare la vostra meditazione o la sessione di preghiera, o per la pace nel mondo. Esistono molte occasioni per accendere una candela. Sono anche un omaggio a Santi ed Angeli. Come preferite voi.
Vi dono però un piccolo consiglio: fate questo piccolo gesto con calma e consapevolezza.

 

Esistono diversi modi di interpretare la combustione dei ceri accesi alle varie Entità Spirituali, agli Angeli, agli Arcangeli e ai Santi. Quello che segue è relativo ai ceri da veglia, ossia a quel genere di candele votive che hanno una durata di 7 giorni e che vengono utilizzate in varie tradizioni esoteriche, compresa la Magia Arcangelica ed Angelica.

Tradizionalmente questi grossi Ceri votivi  sono venduti  in un involucro di plastica particolare che, in condizioni ottimali, ne garantisce una combustione sicura con giusta durata.

Secondo la tradizione e a seconda di come si consuma una candela, è possibile trarre informazioni circa l'adempimento della richiesta fatta agli Spiriti Superiori o alle Entità/Divinità Celesti.

L'uso di ceri nella magia e nei lavori spirituali è antichissimo e si rifà all'impiego delle lampade ad olio in cui gli Sciamani  ponevano erbe, terre e altre sostanze in accordo con lo scopo che si prefiggevano di ottenere.

Nella moderna pratica magica ed  in varie tradizioni, ad ogni colore è legata una vibrazione energetica o un' Entità Spirituale particolare.
Esistono naturalmente candele di più colori consacrate sia scopi specifici, sia agli Arcangeli o ai Santi.

In questo sito tratterò SOLO l' uso di Candele Consacrate e Ceri votivi Consacrati di colore neutro.

In varie tradizioni per potenziare l'effetto esoterico di una candela si ricorre all'impiego di particolari unguenti che, miscelandosi alla combustione, emettono vibrazioni propizie allo scopo che si intende raggiungere dando maggior impulso energetico alla propria preghiera. Quando si offre un Cero Votivo a un Santo o a un Arcangelo, sia essa di ringraziamento o di petizione, è buona cosa ungerne la parte superiore con un'essenza o un olio esoterico in accordo con l'Entità a cui ci si rivolge.
In commercio esistono olii ed essenze specifici che, preparati con erbe ed altre sostanze naturali in accordo con il la Sacra Entità cui vogliamo chiedere aiuto, emettono vibrazioni olfattive e animiche molto forti.

Nelle petizioni, poi, ungere la candela d'offerta con un olio mirato, permette l'emissione di maggior potere energetico, facilitando la risoluzione della richiesta.

Ma vediamo ora come interpretare i comportamenti "anomali" della candela durante la combustione:


LA CANDELA ESPLODE:
Ci sono modalità differenti di interpretazione. Se è una candela di protezione o una candela a doppia azione per spezzare le negatività, significa che la candela ha protetto dall'attacco solo in parte; in questo caso occorre accenderne un' altra immediatamente  e utilizzare supporti spirituali  più potenti, onde evitare spiacevoli conseguenze.

LA CANDELA NON SI BRUCIA:
Se la candela è una candela di protezione o di prosperità, significa che chi sta effettuando la richiesta necessita di una purificazione spirituale forte. Probabilmente i problemi derivano da delle negatività che vanno rimosse e, solo allora, si potrà procedere con un appropriato rituale di protezione o di prosperità. Se si tratta di un problema relativo alla sfera sentimentale, vale lo stesso discorso: le negatività della persona impediscono alle vibrazioni di attrazione di raggiungere lo scopo.


LA CANDELA HA UNA FIAMMA MOLTO ALTA:
Il lavoro spirituale sta procedendo molto rapidamente, è considerato un buon segno, significa che le Entità stanno lavorando. Se si tratta di un lavoro di prosperità, o di protezione, o d'amore, significa che l'ambiente è libero da negatività. Si potrà stare certi di vedere risultati rapidi.

LA CANDELA HA UNA FIAMMA BASSA:
Se la candela è stata accesa per ottenere prosperità o protezione, occorre fare una pulizia molto forte dell'ambiente e della persona, in quanto segnala negatività e forze che si oppongono. In ambito sentimentale specifica che ci sono diversi problemi e cose da sistemare prima del lavoro spirituale vero e proprio.


LA CANDELA BRUCIA PRODUCENDO MOLTO FUMO SCURO:
Generalmente segnala negatività o attacchi magici : occorre accendere una candela all'Arcangelo Michele  per spezzare le negatività.

A questa pratica si deve aggiungere necessariamente un bagno di scarico delle negatività forte (vedi bagni appositi Negozio On Line) e l'impiego di misure spirituali di protezione.


LA CANDELA BRUCIA PRODUCENDO FUMO SCURO SOLO INIZIALMENTE:
Segnala delle difficoltà iniziali nel raggiungimento dello scopo per cui è stata accesa la candela, ma che sono state poi superate. In ogni caso, quando la candela produce molto nerofumo, anche solo inizialmente, occorre riparare a misure di purificazione del negativo, sia a livello personale che di ambiente.

LA CANDELA PRENDE FUOCO:
Segnala ostacoli, difficoltà di raggiungimento della meta che ci si prefigge. Probabilmente prima di utilizzare questa candela, era necessario sistemare altre cose, per permettere all'energia spirituale di fluire in maniera ottimale.


LA CANDELA BRUCIA SOLTANTO DA UN LATO:
La richiesta fatta sarà ascoltata solo in parte. Probabilmente si è utilizzato un procedimento magico inappropriato al tipo di problema da risolvere.

LA CANDELA HA PIU' DI UNA FIAMMA:
La fiamma principale rappresenta voi. Se si tratta di una candela di protezione, segnala la presenza di uno o più nemici. Se si tratta di una candela impiegata in un rito d'amore, segnala la presenza di avversari sentimentali e pericolosi.

LA FIAMMA TREMOLA:
Quando la fiamma della candela tremola, questa indica la presenza di spiriti.

L'INTERA PARTE SUPERIORE DELLA CANDELA COMPRESO LO STOPPINO E' IN FIAMME:
L'Entità che avete invocato sta combattendo col Guardiano/Spirito protettore della persona su cui state agendo o, qualora si tratti di un lavoro positivo, sta combattendo contro ossessori o entità negative. Se durante la combustione questo fenomeno smette, significa che la richiesta sarà esaudita.

LA FIAMMA DELLA CANDELA SI SPEGNE DURANTE IL LAVORO SPIRITUALE:
E' un brutto segno, significa che il lavoro spirituale che state effettuando non è sufficientemente forte e non raggiungerà l'obbiettivo. Se si tratta di una candela di protezione, significa che le vostre difese spirituali sono insufficienti e avete bisogno di misure più drastiche, quali bagni di scarico e di protezione. Se si tratta di riti d'amore o di prosperità, significa che ci sono ostacoli nella petizione e occorre una forte pulizia spirituale per poter raggiungere lo scopo.

UN  CERO VOTIVO DA 7 GIORNI SI ESAURISCE PRIMA DEL TEMPO PREVISTO:
Significa che il lavoro sta procedendo molto rapidamente. Nella Magia Arcangelica se ne accende un'altra per dare maggiore forza. Nei lavori di prosperità è un buon segno, idem in quelli sentimentali. Nei lavori di protezione significa che occorre energia suppletiva, occorre perciò accendere un'altra candela.

CHE COSA FA RAGGIUNGERE PIU' RAPIDAMENTE LO SCOPO UTILIZZANDO LA MAGIA DELLE CANDELE ?
L'olio d'unzione appropriato, la polvere esoterica, gli incensi,
i bagni adatti, la preghiera o i Salmi giusti.
Ogni volta che si accende una candela, di qualunque tipo, si compie un rito. Più questo è articolato e armonico, maggiori sono le probabilità di riuscita nella petizione